Tag

, , , , , , ,

A Napoli è la “’’a pasta crisciuta”, delle frittelle di pasta lievitata un po’ più morbida di quella della pizza, tipico cibo da strada della città partenopea.

Le avevo mangiate molto tempo fa come semplici entrée in un ristorante di Pozzuoli e sono rimaste nella mia memoria e nelle mie proposte per gli aperitivi con gli amici.

Semplicissime e gustose come tutte le cose fritte, le ho personalizzate in questa versione, per abbinarle ad uno splendido prosecco che nasce dal nobile e antico vitigno Glera e che,  nel Colfondo Casa Belfi, dà vita a un vino sorprendente per effetto di un metodo di vinificazione in accordo con la natura.

colfondo (002)

Se lo avessi assaggiato ad occhi chiusi, non lo avrei mai riconosciuto come i Prosecco che sono solita bere.

Un vino elegante e delicato, le sue bollicine non sono affatto aggressive, che sprigiona profumi che evocano la tostatura del pane caldo nel forno.

Ho mille idee con cui abbinarlo, comincio da questi sgonfiotti dai sentori salmastri dell’alga e sapidi per la presenza della feta, dai profumi e sapori dolci e tostati che il sesamo presente nel gomasio conferisce con la leggera salatura esterna.

Piacevole e sensuale portare alla bocca la pallina di pasta cresciuta fritta e bollente e lasciare che il lieve e cremoso frizzante della spuma del Colfondo e la persistenza acida di questo splendido vino, pulisca il palato per favorire la presa successiva.

Sgonfiotti alghe e feta (021)

Quattro chiacchiere in compagnia a completare l’idilliaco abbinamento.

Ingredienti: (circa 35/40 sgonfiotti)
100 gr. di farina ‘0’
100 gr. di farina manitoba
1 bustina di lievito istantaneo per pizza e torte salate
180/200 gr di acqua
10 gr. di alga wakame da far rinvenire in acqua
100 gr. di feta
Olio di arachide per friggere
Gomasio (possibilmente addizionato di alghe)

Sgonfiotti alghe e feta (020)

Preparazione:
Setacciare la farina con il lievito e mescolare con l’acqua fino ad ottenere un impasto non troppo liquido (deve colare dalla frusta in maniera abbastanza densa). Coprire con la pellicola e lasciare a temperatura ambiente per 15 minuti.

Nel frattempo far rinvenire l’alga in acqua per circa 15 minuti, asciugarla e tagliarla a listarelle e poi a pezzi più piccoli.

Sminuzzare la feta e aggiungerla insieme all’alga all’impasto che avrà cominciato a fare le bolle.

Coprire nuovamente con la pellicola e lasciar riposare per altri 10/15 minuti.

In un wok o in una padella, portare abbondante olio di arachide ad una temperatura di 160° e aiutandosi con due cucchiaini far colare delle palline di pasta nell’olio bollente. Scolarle quando sono dorate e farle asciugare su carta assorbente.

Disporle in una ciotola e cospargerle di gomasio (mix di sale, sesamo pestato e alghe)

Sgonfiotti alghe e feta (004)

E s s E

Annunci